LETTERA DI GIOVANNI PAOLO II A SUOR LUCIA

(testo originale)

 

Reverenda Suor

Maria Lucia

Convento di Coimbra

Suor Lucia

Nel tripudio delle feste pasquali Le porgo l'augurio di Gesù Risorto ai discepoli "La pace sia con te!".

Sarò lieto di poterLa incontrare nell'atteso giorno delle beatificazione di Francescoe Giacinta che, a Dio piacendo proclamerò il 13 maggio p.v.

Siccome però in quel giorno non ci sarrà il tempo per un colloquio, ma solo per un breve saluto, ho incaricato appositamente di venire a parlare con Lei Sua Eccellenza Monsignor Tarcisio Bertone, Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede. E' la Congregazione che collabora più strettamente col Papa per la difesa della vera fede cattolica, e che ha conservato, come Lei sa, dal 1957, la Sua lettera manoscritta contenente la terza parte del segreto rilevato il 13 luglio 1917 nella Cova di Iria, Fatima.

Monsignor Bertone, accompagnato dal Vesco di Leira, Sua Eccellenza Monsignor Serafim de Sousa Ferreira e Silva, viene a mio nome per fare qualche domanda sull'interpretazione della "terza parte del segreto".

Reverenda Suor Maria Lucia parli pure apertamente e sinceramente a Monsignor Bertone, che riferirà direttamente a me le Sue risposte.

Prego ardentemente la Madre del Risorto per Lei, per la Comunità e per tutta la Chiesa. Maria, Madre dell'umanità pellegrina, ci tenga sempre stretti a Gesù, Suo Figlio diletto e nostro Fratello, Signore della vita e della gloria.

Con una speciale benedizione apostolica.

 

GIOVANNI PAOLO II

Vaticano, 19 aprile 2000.