Gli appelli del Messaggio di Fatima è stato scritto da Suor Lucia dos Santos, una dei tre pastorelli di Fatima, per dare risposta alle innumerevoli domande che le venivano rivolte sulle apparizioni, sui messaggi della Madonna e consigli sul cammino spirituale di conversione. Si tratta di una lunga lettera , diretta a tutti coloro che le hanno fatto pervenire i propri dubbi e aspirazioni ad una maggiore fedeltà agli appelli della Madonna. L’appello centrale nel messaggio, e punto di riferimento costante, è la raccomandazione di Nostra Signora: “Non offendete più Dio Nostro Signore, che è già molto offeso” (apparizione 13 ottobre 1917)

 

 

Suor Lucia, in questo libro: Gli Appelli del Messaggio di Fatima spiega come si offende Dio quando trasgrediamo la sua Legge, i Comandamenti che Dio ci ha tracciato per raggiungere la vita eterna. Lei offre ai lettori, una bella sintesi teologica e spirituale dei massaggi di Fatima, che rafforza la fede e la vita cristiana. Un libro che è insieme Vangelo e Catechismo di Fatima, chiamato a confermare nella fede, tutti i devoti della Bianca Signora di Fatima. Le stampe sui messaggi di Fatima li trovate in ogni tappa della Madonna Pellegrina distribuiti dagli addetti, o collaboratori parrocchiali, altresì è possibile segnare delle Sante Messe da celebrare nel Santuario Portoghese, con la specifica delle intenzioni.

 

 

Ora commentiamo la giornata vissuta il 28 maggio nelle due comunità ospitanti la Vergine di Fatima, Villafontana, che terminava la sua settimana e Cortona che con l'arrivo si appresta a viverla con trepidazione. La Santa Messa di commiato, iniziata alle 10 a Villafontana, nella Bassa Padana, è stata presieduta dal Vicario Pastorale di Verona, nel piazzale del centro sportivo, al termine dopo i convenievoli e saluti l'Immagine accompagnata dai collaboratori

 

 

del Movimento Mariano Messaggio di Fatima in Italia , è partita alla volta di Cortona, che si trova nella parte sud orientale della Toscana, su una delle colline più affascinanti della regione.

 

 

Si affaccia sulla Valdichiana con una magnifica vista mozzafiato di 180 gradi che raggiunge i confini umbri, e da dove si gode la vista del lago Trasimeno. Cortona preserva ancora molti resti del periodo Etrusco, come le antiche mura ancora oggi intatte. Suoi personaggi illustri a partire dal Rinascimento sono stati: Luca Signorelli, Beato Angelico, Pietro Berrettini e Gino Severini. I loro capolavori si possono ammirare al museo MAEC, al museo DIOCESANO e nelle varie chiese del centro storico.

 

 

Ma passiamo ai fatti..un collaboratore con la custodia della Madonnina, è stato accompagnato all'aviosuperfice di Castelfiorentino, dove ad attenderla anche il Cappellano del club che ha salutato insieme a tutti i presenti con alcune preghiere e impartito la benedizione a tutta la base, in seguito preso posto sul velivolo si è partiti alla volta del piazzale del Santuario dove ad attendere l'evento migliaia di persone , autorità Civili e Militari.

 

 

Frate Stefano, l'organizzatore dell'evento ha saputo gestire in modo perfetto tutta la macchina oganizzativa e per questo va il nostro plauso.

 

 

Dopo l'atterraggio e posizionato la Madonna sulla sua base, con una piccola processione accompagnata dagli sbandieratori di Cortona, ha raggiunto l'interno del Santuario e dopo la posa delle corone nelle mani, è iniziata la Solenne Concelebrazione.

 

 

Con apposito programma per tutta la settimana si potrà lucrare l'Indulgenza Plenaria in questo Santuario, poi domenica 4 giugno con la Messa di saluto la Bianca Signora partirà alla volta dell'Imperiale Abbazia di Casamari nel Frusinate.

 

Last Updated ( Wednesday, 09 May 2018 19:18 )